Newsletter

73MA NEWSLETTER: QUATTRO AGOSTO 2019


Cari amici,
eccoci al nostro consueto appuntamento, per condividere con voi, le ultime novità che riguardano la nostra vita associativa, ricca di eventi significativi, come quello che riguarda il libretto “Ly”, la cui prefazione è stata scritta dal giornalista Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la Comunicazione e di cui si è parlato il 15 agosto sul quotidiano “Avvenire”, il 20 agosto su “L’Eco di Bergamo”, mentre “Dove i cristiani muoiono”, è apparso su “Repubblica” il 17 agosto, con la recensione di Stefano Folli.
Naturalmente è stato un grande traguardo per la nostra Associazione, vedere che queste storie di vita vera, vengono apprezzate anche dai quotidiani nazionali, perché narrano vicende dolorose, spesso dimenticate da tutti.
Dal 9 al 18 agosto scorso, è stato compiuto il 39° viaggio di solidarietà in Iraq, un paese martoriato dall’estremismo islamico e dove manca tutto, acqua, corrente elettrica e la popolazione vive tra le macerie, come a Mosul, dove le chiese cristiane, sono state distrutte dalla furia di fanatici faziosi. Tuttavia in mezzo a tanto abbandono, c’è sempre la luce della speranza, come è stato l’incontro con Diana, la giovane diciottenne, alla quale è stata uccisa la madre, all’età di 8 anni, quando, insieme, facevano la spesa al mercato di Mosul.

Al dolore per la perdita della madre, si è aggiunto quello per i maltrattamenti subiti, da parte della nuova moglie del padre, la quale era molto dura con lei e con i suoi fratellini. Per fortuna l’intervento di uno zio, che si è preso cura di loro, ha consentito a questi bambini, di poter vivere in modo sereno la loro infanzia, già duramente provata. Diana oggi è una bellissima ragazza dai capelli lunghi e sarà il titolo del 24° Instant Book della Collana #VoltiDiSperanza”, che verrà pubblicato prossimamente e la cui prefazione è stata scritta da Esma Cakir, giornalista turca.
Il 15 agosto a Mangesh, in Kurdistan, è stato inaugurato il pozzo d’acqua che tra molte difficoltà, è stato finalmente realizzato con il contributo della Gendarmeria Vaticana e che consentirà a tante persone di approvvigionarsi, visto che parliamo di un paese in cui l’acqua scarseggia e le temperature sono elevatissime.

Da questo viaggio, abbiamo anche portato a casa due nuovi progetti: uno è quello di fornire un generatore di corrente

e l’altro è quello di costruire un’infermeria ad Erbil, per aiutare anziani e persone ammalate.

 La proposta è stata fatta dalle Suore della Congregazione del Sacro Cuore di Gesù e il costo dell’opera sarà di 15.000 euro, che naturalmente si potrà realizzare, con il contributo e la generosità di tutti noi.
Un altro incontro molto toccante e significativo, è stato quello fatto a Mosul, in prossimità di una piccola chiesa cristiana, con un giovane, che con un passamontagna nero in volto, sta di guardia, per impedire che la chiesa venga sventrata e i suoi marmi portati via.

Si tratta di un ragazzo di 20 anni, che si chiama Amir, di religione musulmana, che rischia la vita tutti i giorni perché, quel luogo sacro, non venga distrutto e saccheggiato. È un gesto di grande generosità e di profonda bontà, che ci lascia sbigottiti e che ci fa comprendere che non è la religione a dividere, ma è il cuore dell’uomo, che rende migliori o peggiori degli altri e che crea incontro o divergenza. Questo esempio, sia motivo di riflessione per tutti noi.
Nelle prime settimane di settembre, sarà in tutte le librerie “Grecia e le altre” , che verrà presentato a Roma il 4 dicembre prossimo, mentre a Vasto si parlerà del libro, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne e, tra ottobre e novembre, si terrà un incontro presso l’Università di Bergamo, che avrà come relatori, il Magnifico Rettore e la giornalista Valentina Alazraki.
Dal 14 al 23 settembre, si svolgerà il 40° viaggio di solidarietà in Messico, durante il quale e precisamente il 16 settembre, verrà inaugurato il Refettorio per i detenuti con malattie psichiatriche, la cui realizzazione è stata possibile, grazie al contributo della Gendarmeria Vaticana.
Sempre a settembre, verranno inviati in Brasile, gli ultimi 10.000 euro per il completamento della casa per tossicodipendenti, mentre a Garissa stanno iniziando i lavori per la costruzione di una biblioteca nella scuola cattolica, così come in Perù stanno procedendo alla realizzazione di un’altra aula scolastica nell’asilo di Villa San Roman.
Vi informiamo inoltre che le condizioni di salute di Everlyne, rimangono stazionarie e speriamo che, nel giro di un mese, possa sospendere la dialisi, alla quale attualmente si sottopone.
I ritiri spirituali a Roma e a Bergamo, che si sono interrotti ad agosto, riprenderanno a settembre, ma le date sono ancora da stabilire.
Ringraziamo le Suore di Clausura, alle quali siamo grati per la loro attenzione e per la costante preghiera, mentre a tutti voi, cari amici, rivolgiamo il nostro più cordiale saluto.

Franca Scordo
Consiglio di Amministrazione