Interventi

KENYA – CISTERNA DI 10.000 LITRI DI ACQUA E POZZO


Fondazione Santina in Kenya realizza un pozzo ed una cisterna di 10.000 litri di acqua per la parrocchia e la scuola di Msabaha

GLI IMPEGNI (TESTO ESTRATTO DAL LIBRO BENDERA ED. MESSAGGERO PADOVA, NOVEMBRE 2020)
Durante il viaggio in Kenya, come del resto in tutti gli altri quarantatre viaggi tra le miserie del mondo, ho riempito il mio zaino di piccoli, ma significativi progetti da realizzare nel prossimo anno 2021. Soprattutto in questo viaggio, mentre il mondo vive momenti di ristrettezze economiche, ho pensato che dovevamo rinnovare il nostro impegno a favore di coloro che non hanno il necessario e vivono nella miseria. Quattro sono i progetti che ho sulla scrivania e che attendono l’approvazione del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Santina ONLUS.

Il primo progetto riguarda una cisterna di 10.000 litri per la scuola della missione di Msabaha di euro 900, alla quale già nel 2014 avevamo regalato un’altra cisterna. Ora la seconda cisterna è danneggiata: si è aperta completamente e così alla scuola manca acqua. Padre Lukas, cappuccino, mi ha mostrato la bella scuola che ospita più di 200 bambini. Questa bella scuola dove giungono bimbi sfortunati, molti dei quali con problemi di HIV, è una scuola parrocchiale privata. La struttura è molto bella ed efficiente ma, come in tutto il Kenya, vi è un problema molto serio: l’acqua. Non vi è un sistema idrico che sia in grado di portare acqua nella scuola; bisogna dunque pensare all’approvvigionamento. Un modo abbastanza semplice è quello della raccolta dell’acqua piovana, che scende copiosa nel periodo delle piogge.

Ecco la richiesta del Parroco in data 28 settembre 2020

Il tetto della grande scuola è così predisposto per poter convogliare l’acqua in due grandi cisterne di 10.000 litri di acqua. Pensate che in una sola giornata di pioggia torrenziale la grande cisterna si riempie e l’acqua che raccoglie può bastare per 5-6 mesi. L’acqua serve alla pulizia delle aule, all’igiene dei ragazzi e a cucinare; dunque è indispensabile per poter garantire condizioni igieniche basiche per le attività della scuola.

Ecco bonifico effettuato in data 7 ottobre 2020 di Euro 900

Visitando questa scuola, il padre mi ha mostrato come le necessità dei bimbi siano tante e l’acqua di quella cisterna è insufficiente soprattutto oggi, in tempo di Covid19. Che senso ha dire di lavare frequentemente le mani, se manca l’acqua? Se ne dovrebbe realizzare una nuova e con tale cisterna le condizioni di vita della scuola sarebbe efficienti. Ho chiesto a padre Lukas di darmi un preventivo preciso di spesa.

Ecco la ricevuta di Padre Lukas del denaro destinato alla cisterna

Con 900 euro si può risolvere un grave problema. Non si tratta di qualcosa di superfluo, ma di autentica necessità. Come del resto in Africa è sempre la vita.

          Il secondo progetto è un pozzo di acqua per euro 1400. Esso è ancora chiesto da padre Lukas e riguarda l’intera missione, fuori dalla scuola di cui vi ho parlato. La necessità è ancora acqua: acqua per il dispensario, per la casa delle suore, per le aule del catechismo e per la chiesa stessa.

Ecco la richiesta di Padre Lukas per il pozzo di euro 1400

Padre Lukas ci chiede di poter fare un pozzo. Non stiamo parlando di un pozzo simile a quello dell’Iraq, ma di un pozzo molto più elementare e semplice: si scava il terreno per alcune decine di metri – dai 10 ai 25 metri – si infila un tubo e poi l’acqua viene pompata fuori a mano. Il prezzo di questo secondo progetto è di circa 1.400 euro.

Ecco bonifico di euro 1400 effettuati il 21 dicembre 2020

I due piccoli progetti, soprattutto quello della cisterna, sono davvero molto urgenti e dovremmo in questo stesso anno 2020 provvedere. Perché tu che stai leggendo non ci dai una mano?

Ricevuta di Padre Lukas di euro 1400 per costruire il pozzo

PROGETTI DA REALIZZARE NELL’ANNO 2021
Il terzo progetto si trova invece nella missione di Lango Baya è di euro 6.500
, nelle vicinanze di Chakama. A Malanga, i missionari della Fraternità di Maria, originari del Guatemala, hanno nel cuore di costruire una scuola tecnica professionale. In questa scuola i ragazzi poveri imparerebbero un lavoro e sarebbero così meno esposti ad una vita delinquenziale. Il progetto sta partendo in questi mesi, e padre Alex ci chiede di costruire proprio a Malanga una prima aula di questa scuola professionale. Il costo della realizzazione è di 6.500 euro. Questo potrebbe essere il primo progetto che il prossimo anno noi potremmo sostenere in Kenya.

Il quarto progetto in Africa per il prossimo anno 2021 riguarda ancora Mambrui ed è di euro 10.000. Piera Chiodi e Suor Nadia ci chiedono un grande aiuto. Il Governo del Kenya chiede al grande orfanotrofio di costruire un asilo nido per ospitare i bimbi più piccoli in un luogo separato dagli altri bambini e ragazzi più grandi. Lo spazio c’è e la struttura in cemento armato già esiste, ma occorrono 10.000 euro per ultimare l’aula definita come asilo nido.


A Mambrui abbiamo deciso di investire e di rendere l’orfanotrofio più armonioso e bello. Un po’ come è avvenuto nella scuola materna di Villa San Roman sulle Ande del Perù, oppure come la scuola primaria di Lango Baya in Kenya. Oltre a Santina, Nora e Ramsi, figli orfani di Everlyne, da questo ottobre saranno ospitati anche i due piccoli gemellini di Bendera, soprattutto Isac che è storpio.

In Avvento 2020 i bambini delle scuole infantili di Bergamo hanno promosso una raccolta per l’asilo nido che ha prodotto euro 3000: Commovente!

La costruzione di questo asilo nido sarà così una forma di ringraziamento alle suore e a Piera per aver accolto altri due nostri piccoli ospiti. E sono sicuro che in futuro il numero dei nostri piccoli ospiti potrebbe crescere. I quattro progetti saranno eseguiti con il criterio della massima trasparenza e ogni fase di pagamento sarà ben evidenziata nel nostro sito istituzionale.

Se la lettura di questo piccolo libro ti ha tolto due ore di tempo e ti ha preso il cuore… contattaci! Questi semplici progetti attendono il tuo contributo. E ricorda, il nostro motto è questo: “Non vogliamo i tuoi soldi, vogliamo solo il tuo cuore!”. E con la tua generosità potremo dire a questi piccoli il secondo nostro slogan: cari piccoli, “il nostro cuore è la vostra casa”. Grazie delle due ore di tempo prezioso che ci hai donato; se volessi fare qualcosa di più fatti coraggio: aspettiamo il tuo aiuto!