Newsletter

54MA NEWSLETTER: QUATTRO GENNAIO 2018


Cari amici,
            ci auguriamo che il nuovo Anno sia per tutti voi, ricco di gioia, ma soprattutto di doni spirituali e di una grande predisposizione verso gli ultimi ed i più deboli.

È con grande soddisfazione che vi comunichiamo che la nostra Collana “#VoltiDiSperanza” è molto apprezzata da tanti lettori ed i libretti venduti sino ad oggi, sono stati 6.141, con un ricavato di circa 30.000,00 euro.

Una cifra rispettabilissima, considerato che la gente tende a leggere poco, ma queste esperienze narrate da don Gigi, coinvolgono molto e fanno capire tante cose, sulle quali a volte, non riflettiamo.

Anche il suo ultimo viaggio in Perù,

è stato ricco di emozioni e di momenti gioiosi, soprattutto per l’inaugurazione, il 13 dicembre scorso, della rete fognaria dell’asilo,

alla presenza della cittadinanza locale, felice di vedere finalmente i propri bambini, andare a scuola in un ambiente sano e degno di accogliere i piccoli allievi.

Sono stati completati i lavori del ponte in Vietnam, che verrà inaugurato nei prossimi mesi, sebbene la data non sia stata ancora fissata; così come è stata ultimata l’aula scolastica a Lango Baia.

Il 29 dicembre don Gigi si trovava a Gerusalemme,

in occasione del compleanno di Santina e, insieme a Pierandrea e Cristina, l’ha ricordata durante la S. Messa, celebrata in suffragio presso la Chiesa di S.Maria dello Spasimo, alla IV^ Stazione della Via Dolorosa, dove è stata sepolta. Questa donna semplice e buona, ha lasciato un grande esempio di virtù e lei che prega per noi, dal mondo dei Beati, ci aiuterà a realizzare quel bene verso i poveri, che spesso ha compiuto, con piccoli gesti, durante la sua vita terrena. Come dimenticare il caffè che offriva, nelle mattine d’inverno, al clochard che trovava rifugio vicino alla sua casa a Bergamo! Piccoli gesti d’amore, ma di grande significato umano e cristiano.

Continua con ottimi risultati, il programma per il Morbo di Chagas, presso l’ospedale di Bergamo, dove fino ad oggi, sono state curate tante donne latino-americane, affette da questa patologia. È un grande traguardo, perché attraverso la campagna d’informazione, si sono rese consapevoli di essere portatrici di una malattia, che forse nei loro paesi d’origine, non conoscevano o veniva trascurata.

Un altro grande successo è stato raggiunto con la nostra partecipazione alla trasmissione di Radio Mater,

durante la quale, lunedì 8 gennaio, si è molto parlato dei problemi che affliggono alcune aree del Medio Oriente e che non sono di facile soluzione, con l’eccellente contributo di Lorenzo Cremonesi, grande esperto in questo campo. Il tema della serata era Hazar, la donna yazida, fatta schiava dall’ISIS, la quale insieme ai suoi tre bambini, fortunatamente è riuscita a scappare, salvando se stessa ed i propri figli. Naturalmente si è anche parlato della dignità e dei diritti delle donne, che nonostante i traguardi raggiunti, in molti paesi vengono ancora calpestati. Alcuni di noi sono intervenuti da casa, con argomenti significativi per la nostra Associazione, dando valore a quello che facciamo e a quello in cui crediamo.

Il 21 gennaio prossimo, a Roma ci sarà il consueto ritiro spirituale, sospeso in occasione delle festività Natalizie, mentre il 28 gennaio, si terrà a Bergamo. A Roma, inizierà alle ore 17 con la S.Messa, presso la Cappella delle Suore Francescane, in Via di Torre Rossa 80. Invitiamo gli amici di Roma ad essere numerosi, perché è bello stare insieme per pregare e condividere tante esperienze, che riguardano la nostra Associazione.

Infine il 27 gennaio a Vignola, ci sarà la presentazione del libro “Fahmi”, un ragazzo di Gerusalemme, colpito alla testa da un proiettile, che ha subito numerosi interventi e al quale, con tutto il nostro affetto, auguriamo una vita migliore di quella che fino ad oggi ha vissuto, con le parole della giornalista Franca Giansoldati: “Vola, Fahmi, vola più in alto dei muri di pietra bianca che accerchiano Gerusalemme e sii più forte del male che ti ha aggredito quel giorno d’inverno “. Perciò, cari amici di Vignola, leggete la storia di Fahmi e diffondetela: è straordinaria!

In attesa del prossimo incontro, a tutti voi ed alle Suore di Clausura, rivolgiamo il nostro caro ricordo, e auguriamo un buon 2018, nella pace e nella gioia di Gesù.

Cordiali saluti,

            Franca Scordo
Consiglio di amministrazione